Grupeer review

In questa nuova recensione volevo passare a descrivere Grupeer, una piattaforma di p2p lending lettone nata nel 2016 e attiva nei prestiti personali, business e in progetti di sviluppo immobiliare.

Grupeer si caratterizza oggi per avere una vasta disponibilità di prestiti su cui investire, con durata media che va dai 9 ai 18 mesi (con qualche non rara eccezione sia in meno che in più) e tassi offerti all’investitore che vanno dal 10 al 14%.

Personalmente investo in Grupeer quasi dalla sua fondazione e ho visto letteralmente crescere la piattaforma da un paio di intermediari presenti, con business concentrati nella zona baltica e limitrofa, alla situazione attuale, dove gli istituti presenti sono all’incirca una quindicina ed offrono prestiti a richiedenti sia europei che extraeuropei.

Attualmente ci sono 15 intermediari (maggio 2019) che operano sulla piattaforma, offrendo prestiti a destinatari situati in 11 nazioni. La disponibilità di progetti è realmente una delle più alte che si possono trovare nel panorama europeo: non avrete mai problemi di cash drag qui.

Qui è come si presente la lista di prestiti disponibili per l’investimento:

Cliccando su un singolo prestito si potranno vedere i dettagli dell’offerta e alcune (brevi) informazioni sull’intermediario. Tempo fa venivano pubblicati anche alcuni dati di bilancio dell’istituto che offriva sul mercato il progetto, purtroppo questa ottima iniziativa si è persa nel tempo e ora questo tipo di informazioni non è più disponibile.

Più dettagliate invece le descrizioni dei progetti di sviluppo immobiliare, che si possono trovare in una sezione dedicata del sito. Qui il progetto è descritto nei dettagli, si potrebbe migliorare ancora comunque sempre sulle informazioni lato intermediario, ancora anche qui abbastanza minimali.

Tutti i prestiti offerti da Grupeer sono coperti dalla garanzia di buyback, che entra in azione quando il prestito è in ritardo per più di 60 giorni, senza però rimborsare gli interessi, quindi è leggermente più svantaggioso di altri buyback. Nella mia esperienza però non mi sono mai trovato finora ad avere prestiti in cui la buyback guarantee è dovuta entrare in azione, nessun ritardo di tale durata.

Attualmente, alcuni intermediari offrono anche un cashback immediato
dell’1% sulla quota acquistata, a scopo promozionale, che viene liquidato al momento della conferma dell’investimento. Si tratta però per lo più di prestiti ad un tasso offerto leggermente minore. Grupeer è comunque una delle pochissime piattaforme ad offrire anche questo incentivo ulteriore all’investitore.

Autoinvest

L’autoinvest su Grupeer è presente, classico, e permette in modo abbastanza semplice ed intuitivo di inserire, potendo filtrare la procedura per tipo di prestito, intermediario, paese, tasso di interesse e termine.

La particolarità, che non condivido molto, su Grupeer è che un singolo progetto ha all’attivo sulla piattaforma svariate tranche di finanziamento proposte, che a volte superano anche la decina di numero. Questa situazione va un po’ in antitesi con l’eventuale volontà di dare un’ottica di diversificazione dei propri investimenti utilizzando l’autoinvest, dato che sarà molto difficile evitare di avere nel proprio portafoglio varie tranche di uno stesso progetto: non c’è ancora un modo di settare la procedura impostando una diversificazione per progetto.

Per questo motivo, personalmente su Grupeer non utilizzo quasi mai l’autoinvest e preferisco procedere ad una selezione manuale, quando non troppo esosa in termini di tempo a me richiesto.

Mercato secondario

Una delle pecche maggiori di Grupeer è però la mancanza di un mercato secondario. Sul sito, è dichiarato che tale possibilità “non è ancora disponibile”, ma in progetto di essere introdotta in futuro. Il problema è che è in progetto da…. quando hanno aperto! (3 anni quasi ormai). Ultimamente comunque è uscita una news per cui l’implementazione del secondary market è prevista per il primo semestre 2020.

Avere un mercato secondario, quando la piattaforma non si concentra nella sua offerta su prestiti a breve/brevissimo termine, è secondo me una caratteristica abbastanza importante, per permettere all’investitore una qualche possibilità di liquidare in anticipo il proprio investimento (anche a costi di commissione) nel caso in cui si trovi nella necessità di riavere indietro il proprio capitale.

Conclusioni

In conclusione trovo Grupeer una delle piattaforme più semplici da utilizzare, molto adatta a chi inizia ad investire nel p2p lending e vuole differenziare rispetto ad altri marketplace più conosciute. La trovo comunque, nel complesso, una piattaforma ad alti e bassi.


Pregi:

  • Buoni tassi di interesse
  • Ottima solvibilità dei prestiti
  • Enorme disponibilità di prestiti

Difetti:

  • Mancanza di un mercato secondario
  • Disponibilità di informazioni sugli istituti che offrono i prestiti non sempre ottimale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...