Bilanci

Come mio ultimo articolo dell’anno, ho pensato di raccogliere un po’ di numeri e considerazioni, di varia natura, sulle piattaforme p2p lending in cui ho investito.

Come prima parte ho pensato di raccogliere assieme i principali dati di bilancio dei gestori di queste piattaforme e ho aggiunto una mia personale classifica di “top” e “flop” basata sulla mia esperienza su quest’anno 2019.

Anticipo già ora che con l’inizio del 2020 usciranno, anche sul mio blog, delle novità per quanto riguarda un lavoro in corso sulle analisi dei bilanci di alcune di queste piattaforme, ma per ora mi fermo qui.

BILANCI PIATTAFORME

Com’è noto, i primi numeri per quel che riguarda i bilanci finanziari delle piattaforme per l’anno 2019, fra quelle che li rendono disponibili pubblicamente agli investitori, arriveranno non prima di maggio/giungo dell’anno prossimo per le più “precoci”, fino addirittura a novembre 2020 per le altre. Quello che però ho tentato di fare è raccogliere dati sui bilanci dell’anno 2018, e confrontarli, quando ce n’era la disponibilità, con i relativi dell’anno 2017.

Ho raccolto i risultati principali in questa tabella. Su alcune di queste non investo, ma volevo comunque inserirne evidenza, affidandomi anche all’ottimo sito p2p-banking per recuperare alcune informazioni. Tutte le cifre sono in migliaia di euro (o migliaia di dollari quando indicato):

Trovo evidenti, in termini di volumi e di necessaria capitalizzazione, i risultati delle piattaforme che operano solo come mercato di scambio per altre finanziarie e di quelle che si occupano direttamente della gestione prestiti con i richiedenti finali.

A mio avviso questi dati sono più importanti per chi si occupa direttamente di finanziarie richiedenti e richiedere investimenti, in quanto hanno loro direttamente gli obblighi di restituzione agli investitori. Occorre però non sottovalutare anche la sostenibilità dei business che si occupano anche solo di mantenere attivi i siti su cui i nostri soldi transitano.

Nel 2019 alcune piattaforme (so per certo Grupeer, Mintos e Robocash) sono cresciute nei volumi delle loro attività, quindi se i loro costi operativi non sono aumentati proporzionalmente (cioè, nella sostanza, non hanno effettuato grossi investimenti nel potenziare la loro struttura), potrebbero aver ottenuto un utile maggiore quest’anno. Ciò nonostante, è interessante notare come ad oggi, almeno per le piattaforme che operano da marketplace, sembrano avere ancora risorse molto “snelle” rispetto alla tipologia di business su cui operano, tipiche di chi è comunque ancora nella fase iniziale e di crescita della loro attività.

CLASSIFICA PERSONALE DELLE PIATTAFORME 2019

Ho pensato anche, con l’occasione della fine dell’anno, di stilare qui sotto una mia personale classifica delle piattaforme p2p lending in cui ho investito. Le ho ordinate in modo decrescente per mia preferenza personale, basandomi unicamente sulle mie esperienze.

PIATTAFORME TOP:

Mintos: nonostante i problemi ad alcuni suoi loan originators, si è sempre comportata in modo quasi impeccabile, pur mantenendo il ruolo che le compete, cioè quello di “piazza affari” e non di sostituzione alle finanziarie. Nei casi critici ha operato sempre applicando il più possibile il principio di trasparenza e mantenendo costante l’aggiornamento agli investitori. Ha avuto un momento d’oro fra primavera ed estate dove anche i tassi erano molto alti e paragonabili a quelli di piattaforme meno consolidate. Ha avuto un calo su questi nell’ultimo periodo, ma resta ancora a mio avviso la migliore ad oggi.

Grupeer: si sta proponendo come una delle futuri concorrenti di Mintos. Manca ancora molto per raggiungerla, sia per volumi sia per diversificazione disponibile nel proprio mercato. I tassi sono comunque in fascia medio-alta e finora nessun ritardo con i pagamenti. In ogni caso, l’espansione e l’evoluzione della piattaforma nel 2019 è stata evidente e tutto fa presagire che la cosa non si fermerà nel 2020. Da migliorare per lei utili e risorse.

PIATTAFORME BUONE:

Viainvest: è una piattaforma con un bilancio fra i più solidi del mercato. Ha inserito il tasso fisso all’11% per tutti i prestiti che offre e soprattutto nella seconda parte dell’anno è stata un’ottima ancora di salvataggio quando in qualche altro sito i tassi crollavano. Temo però qualche rischio di cash drag per il prossimo futuro.

Crowdestor: è letteralmente esplosa come crescita nell’offerta di progetti nella seconda parte dell’anno. Sono rimasti ottimi i rendimenti disponibili e non ho mai avuto problemi di cash drag. Essendo però la sua attività ancora principalmente legata a progetti su piccoli business (relativamente più rischiosi e su cui le informazioni non sono sempre impeccabili) e non avendo copertura di buyback (scelta comunque coerente con la tipologia) rimane un mercato a più alto rischio.

Iuvo group: Da me snobbata nella prima parte dell’anno, per motivi legati ai rendimenti non competitivi rispetto a molte altre piattaforme europee, l’ho poi utilizzata nella seconda parte come piattaforma “a minor rischio” grazie alla relativamente buona situazione finanziaria dei loan originator su cui posso investire tramite di essa. Gli interessi però rimangono ancora bassi per poter farla passare al top.

PIATTAFORME CON ALTI E BASSI:

Robocash: una piattaforma che si è delocalizzata nell’anno ma con ottimi risultati di bilancio per le sue finanziarie. Gli interessi non sono fra i più allettanti e molti investitori si stanno lamentando di cash drag. Ad oggi però credo possa essere una delle piattaforme su cui aumenterò nel 2020: ero partito molto scettico quest’anno sulla solidità della piattaforma, i numeri mi han dato per ora torto.

Crowdestate: la mia valutazione è la somma algebrica di un primo semestre ottimo, con progetti che pagavano regolarmente, buoni tassi, tanta “ciccia” da raccogliere in profitti da compra/vendita nel mercato secondario e il secondo semestre dove più di qualche progetto ha iniziato ad andare in ritardo (in alcuni casi sospendendo proprio i pagamenti) e dove l’offerta di nuovi investimenti si è radicalmente rallentata. Se l’andamento è questo l’outlook lo vedo negativo per l’inizio 2020, vedremo.

Peerberry: Ha un’offerta in termini di rendimento paragonabile a Viainvest, ma qui le notizie relative alla loro situazione e stabilità delle finanziarie che non sono sufficienti. Per questi motivi non la posso inserire più in alto per ora.

Swaper: ha avuto, anche quest’anno, un aspetto buonissimo, cioè il tasso fisso al 14%, ed un altro negativo, cioè l’impossibilità per lunghi periodi di farmi investire l’intero capitale versato. Ci aggiungo che altre piattaforme stanno progredendo pian piano nella loro stabilità finanziaria, diversificazione e volumi. Swaper invece… non lo so, non ci sono ancora informazioni a sufficienza; però non sempre no news equivale a good news.

PIATTAFORME MEDIOCRI:

Envestio: per tutto l’anno è stata una delle piattaforme con i tassi nominali più alti in assoluto e non ha avuto ancora problemi segnalati a riguardo dei pagamenti agli investitori. La scelta di inserire nel loro core business rifinanziamenti di progetti, di non sempre leggibile interpretazione, ha iniziato a far sollevare qualche dubbio da più di una voce sull’effettiva sostenibilità del loro piano di business nel lungo periodo. Aggiungo che di recente ha cambiato proprietà e questo è un altro motivo di incertezza. Per questi motivi la metto nella parte bassa della mia classifica, in attesa di sviluppi con il 2020.

Fastinvest: Troppa importanza nella mia valutazione è la ancora, ad oggi, carenza di informazioni riguardanti la struttura societaria, le risorse e le informazioni su buona parte dei loan originator di questa piattaforma. L’esperienza finora è stata ottima, sia come rendimento, sia come regolarità dei pagamenti. Negli ultimi mesi Fastinvest ha pubblicato qualche generale notizia riguardante le nuove finanziarie che hanno iniziato ad offrire i propri prestiti, ma non lo trovo ancora sufficiente.

PIATTAFORME FLOP:

Kuetzal: è l’ultima piattaforma in ordine temporale, fra quelle in cui investo, a nascere. Ho iniziato quest’estate, quindi da non molti mesi e non ho avuto finora nessun problema con il ricevimento degli interessi pianificati. Tuttavia tutto quello che è successo nelle ultime settimane, fra qualche progetto con seri dubbi di essere un “fake” e le palesi ammissioni di inadeguatezza da parte del management passato e attuale (per chi ancora non lo sapesse l’intera squadra di gestione è cambiata di recente) mi ha fatto valutare Kuetzal come un market ai limiti dell’imbarazzante. I tassi di interesse, comunque alti, non li valuto ad oggi sufficienti per compensare il rischio palesatosi. Ho deciso di sospendere per ora la visibilità della recensione nel mio blog, in attesa di sviluppi.

RENDIMENTO EFFETTIVO 2019

Infine, ho pensato di calcolarmi (finalmente ho trovato il modo, alla fine era una semplice formula excel) il mio tasso interno di rendimento per ciascuna piattaforma, il classico XIRR di cui si legge in giro, comparandolo con quello mostratomi sui siti delle varie piattaforme, quando quest’ultimo disponibile.
Ho considerato solo i proventi da interessi e plusvalenze. Il dato preso dai siti è per forza di cose complessivo di tutti i miei anni di investimento, mentre ho voluto inserire nel mio riscontrato solo il 2019. Il risultato lo riporto qui nella tabella qui sotto:

Ovviamente trovo utile ancora ricordare (e mai è stato più opportuno dopo gli eventi di queste ultime settimane) che i rendimenti che potete qui leggere non sono da considerare come unico elemento nelle nostre valutazioni su tali piattaforme, ma entrano come parte di un’analisi il più approfondita possibile, che deve essere volta all’ottimizzazione dei nostri investimenti, tenendo conto anche dell’affidabilità delle destinazioni dove riponiamo i nostri risparmi.

Come detto questo era il mio ultimo articolo del 2019. Approfitto quindi ora per augurare a tutti un 2020 ricco di ottime soddisfazioni dai nostri investimenti!

4 pensieri su “Bilanci

  1. Valerio

    Ciao e complimenti per il lavoro che fai che sto divorando perchè con il nuovo anno voglio assolutamente differenziare i miei investimenti anche nel P2P. Ti posso chiedere come mai non hai investito nulla anche in Bondora? forse per i tassi che effettivamente, paragonati agli altri che utilizzi, sono oggettivamente sotto la media? te lo chiedo perchè è uno di quelli che mi interesserebbero oltre al Mintos ed altri. Grazie mille, Valerio da Roma.

  2. Giovanni

    Ciao Paolo, ottimo sito complimenti!
    Vorrei sapere come ti regoli con Viainvest in tema fiscale ?
    So che è possibile optare per la tassazione alla fonte o fare da se (richiedono documentazione fiscale per optare per l’una o l’altra).
    Come ti comporti tu ?
    Grazie!

Rispondi